Un grande uomo, non solo nella statura ma anche nella compassione. Sikh e allievo di Yogi Bhajan Nato a Puebla in Messico nel 1948 fu scelto, come discepolo, da un indio Totonaca il quale gli insegnò a guardare ovvero a vedere il significato cosmologico della realtà, capire la relazione che intercorre tra tutte le cose dell’universo attraverso il simbolismo archetipico universale.

Qualche tempo più tardi Guru Dev Singh cominciò a praticare il Kundalini Yoga e nel 1976 incontrò Yogi Bhajan. Immediatamente egli comprese di aver incontrato un Maestro straordinario e così nel 1978 cominciò ad imparare da lui il Sat Nam Rasayan, secondo il metodo iniziatico tradizionale, in silenzio. L’insegnamento gli fu impartito mentre era vicino al maestro che parlava di questioni domestiche, politica o di affari. Il maestro sapeva esattamente quanto l’allievo stava imparando.

Un giorno, lo stato di coscienza di Guru Dev Singh subì un’alterazione che Yogi Bhajan comprese immediatamente interrompendo gli insegnamenti. Entrambi sapevano di sapere ma non fecero parola di quanto accaduto.
Fu nel 1988 che Yogi Bhajan gli parlò per la prima volta di quanto aveva appreso chiedendogli di fondare una scuola dove insegnare verbalmente questo metodo di guarigione. Guru Dev Singh si trasferì a Roma dando inizio ad un corso pilota, antesignano di quelli attuali.

Nel 1992 Yogi Bhajan andò a Roma ed informò Guru Dev Singh che da quel momento in poi la responsabilità d mantenere il Lignaggio del Sat Nam Rasayan sarebbe stata sua. Guru Dev Singh assunse così il ruolo di maestro e divenne parte della Catena d’ Oro. Quello stesso giorno Yogi Bhajan dichiarò che il sistema sarebbe stato conosciuto come: “Sat Nam Rasayan”.